il network

Giovedì 21 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


ALPINISMO

Il cremasco Ruffoni conquista la vetta del Kazbek (5.047)

Nuova impresa dell'alpinista di Montodine nel Caucaso georgiano

Il cremasco Ruffoni conquista la vetta del Kazbek (5.047)

TBILISI (Georgia, 19 agosto 2019) - Nuova impresa dell'alpinista di Montodine, Filippo Ruffoni. Il 32enne ha conquistato il monte Kazbek (5.047 metri), la vetta più alta del Caucaso in Georgia.

L'avventura in solitaria di Ruffoni è partita il 9 agosto con arrivo nella capitale Tblisi. Prima tappa il piccolo paese di Stepantsminda a quota 1.900 metri per giungere poi al Bethlemi Hutte a quota 3.656 metri, storico campo base punto di riferimento per la storia dell’alpinismo mondiale.

Il meteo favorevole, l’assenza di vento e la luna piena hanno permesso una partenza in piena notte senza intoppi il 15 agosto. I 1.400 metri di dislivello per arrivare alla vetta sono stati carichi di difficoltà, ma crepacci, neve densa e cordate sono stati superati al fine di giungere al plateau posto a 4.700 metri e alla parete finale a 5.047 metri. L'arrivo in cima alle 10.58 del 16 agosto.

Filippo Ruffoni, responsabile del gruppo I Lupi delle Vette è riuscito in una strepitosa impresa, accompagnato dalla sua passione. Lungo il percorso ha incontrato altri colleghi alpinisti da tutto il mondo, un’impresa che lo ha avvicinato anche a nuovi amici internazionali essendo l’unico italiano in vetta.

Il Kazbek si aggiunge all’elenco delle vette conquistate da Ruffoni, tra le quali spiccano Monte Bianco, Gran Paradiso, Adamello, Gran Zebrù e Monte Kenya.

19 Agosto 2019