il network

Giovedì 21 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


PANDINO

'Festa con alcol ai minori, risse e degrado: scempio in castello'

Duro attacco della minoranza contro l'evento autorizzato dal Comune

'Festa con alcol ai minori, risse e degrado: scempio in castello'

PANDINO (12 luglio 2019) -  Metti una serata in castello, con musica trap e hip hop, un pubblico di almeno 350 ragazzi arrivati da tutto il Cremasco e non solo, tra cui molti minorenni, e un servizio bar e ristoro: il tutto organizzato da un locale e la fattiva collaborazione del Comune. Idea vincente per far conoscere il maniero alle nuove generazioni? Utilizzo improprio dello storico monumento? Infuria la polemica. Ed è subito festa, facciamolo è andata in scena nei giorni scorsi, sfruttando il palco montato per gli appuntamenti estivi nell’arena. Protagonisti alcuni nomi emergenti, almeno a livello locale, dei generi musicali più in voga tra gli under 25. A sollevare il caso, dopo qualche giorno di riflessione, un durissimo intervento della minoranza del Gruppo civico. «La somministrazione di alcol in un evento patrocinato dal Comune - l’ex assessore al Bilancio Marco Cirilli - in presenza di minorenni è un comportamento da stigmatizzare con forza». La nota del Gruppo civico evidenzia come «diversi cantanti, anch’essi molto giovani, calati nella parte, incitassero il pubblico, utilizzando il gergo del loro stile musicale preferito, dove non è mancato l’intercalare di espressioni scurrili, insulti, imprecazioni e bestemmie. Positivo il fine aggregativo, ma riteniamo che la serata a un certo punto sia sfuggita di mano. La necessità di sedare vari tafferugli, compresa una rissa tra giovanissimi, è stata la conferma della sottovalutazione di alcuni aspetti organizzativi, forse anche per effetto del consumo non sempre controllato di alcoolici da parte di giovani e adolescenti, tra cui anche minorenni, che ha contribuito negativamente al pieno successo della manifestazione. Insomma, un brutto battesimo per le politiche giovanili dell’amministrazione Bonaventi, si spera da archiviare velocemente come singolo episodio sfortunato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

11 Luglio 2019

Commenti all'articolo

  • renzo

    2019/07/12 - 12:12

    E censurare i cantanti con le loro canzoni che sembrano "poesie"? La censura deve avere ancora forza soprattutto su "opere" demenziali come certe canzoni di certi rapper ...

    Rispondi

  • Paolo

    2019/07/12 - 10:10

    se i giovani bevono, bestemmiano e si picchiano, lo spazio non va concesso; è preciso dovere del Sindaco negare l'autorizzazione per manifestazioni delle quali non sia sicuro lo svolgimento.

    Rispondi

  • angelo

    2019/07/12 - 09:09

    e il comune, il sindaco, il vice sindaco eccetera cosa c'entrano? inutile negare l'evidenza: i giovani e i giovanissimi bevono,bestemmiano, si picchiano, siamo una società in degrado. I genitori dove stanno???? non è sicuramente negando ai giovani uno spazio per le feste che si risolve il problema alcol. si deve iniziare dall'educazione in famiglia, nella scuola, nella società. ma tutto questo non esiste più. in alto i cuori

    Rispondi